Tutti gli articoli di Mattia Farina

Chiudiamo la stagione con una vittoria a Fermignano di misura

Tabellino e news:

PALL. FERMIGNANO  BRAMANTE PESARO: 70 – 71

FERMIGNANO: Cassese 9, Spadoni J. ,Tagnani M 20 (Cap), Vichi 4, Santi 5, Roberti 4, Tagnani D.4  Fontanella 4, Alleruzzo 11, Spadoni F 9. All. Paolucci

BRAMANTE PESARO: Ricci 14, Ceccolini 6, Sorcinelli 8, Oliva, Bongiorno 10, Urbani 12, Nardini, Amici 10 (Cap) Velispahic 2, Di Sciullo 9. All. Nicolini – Vice: Ugolini

PARZIALI: 18 -14, 12- 16, 16- 21,  24- 20.

ARBITRI: Guidi Giardini

Commento: “Vietato abbassare la guardia anche nell’ ultima partita, il campionato si onora fino all’ ultimo secondo dell’ultimo periodo di gioco”, Coach Nicolini carica i suoi giocatori nello spogliatoio prima del match contro Fermignano. Primo quarto equilibrato in cui il Bramante manda a referto tutti i giocatori del quintetto titolare, Fermignano chiude sul più quattro approfittando delle disattenzioni sui taglia fuori dei pesaresi. Il secondo quarto è la fotocopia del primo, si alternano buone giocate ad errori tecnici da ambo le compagini; i padroni di casa continuano a metterci sotto coi rimbalzi offensivi e si portano sul più sei. Pesaro reagisce prontamente con la tripla di Bongiorno, poi Urbani ben imbeccato da Ceccolini, lo stesso Ceccolini in transizione pareggia e porta il punteggio in parità all’intervallo 30 – 30.

Il terzo quarto comincia nel migliore dei modi per il Bramante. Bongiorno, Urbani ( 6pt consecutivi) e una gran tripla di Ricci condiscono un bel parziale di 11 -0. I padroni di casa non si scompongono e Cassese trova un canestro da 3 col fallo aggiuntivo. Fermignano ha a suo favore il bonus, e sfrutta quest’arma per attaccare con + aggressività, conquistando falli per la lunetta. Tagnani M. realizza da tre il meno 4. Nessuno cede e l’intensità di gioco resta alta, Spadoni ne segna cinque consecutivi, per Pesaro vanno a segno il capitano Amici e Sorcinelli con due bei piazzati. ( 46 – 51). Questa volta è il Fermignano a partire fortissimo col cap. Tagnani che ne segna otto di fila (una tripla da vero bomber) e manda i suoi un vantaggio di lunghezza. Bongiorno ferma questo trand con un canestro da tre punti, ma nell’azione seguente il capitano fermignanese ne mette altri due. Comincia lo show di Ricci per Pesaro, praticamente inarrestabile a metà quarto. Segna in tutti i modi, in questo frangente immarcabile. Con 10 punti filati e un bel canestro di Urbani Pesaro è a +2. Tagnani pareggia a 1:25 dal termine. Pesaro non realizza e nell’azione seguente Cassese fa canestro e libero aggiuntivo. Il morale sembra aver avuto un duro colpo, ma Di Sciullo da vero veterano si procura il fallo sul tiro da tre realizzando poi tutti i liberi. Time out per coach Nicolini. All’uscita dal time out Fermignano attacca, ma non concretizza, è ancora Di Sciullo a subire il fallo che lo manda in lunetta per i due liberi. L’1/2 risulterà decisivo e il punteggio fi frema su 71 a 70 per il Bramante. Complimenti ai ragazzi che ci hanno creduto, hanno tenuto mentalmente la partita fino all’ultimo minuto come chiesto dal Coach.

Comincia la sosta lunga e il Bramante approfitta per augurare a tutte le società buone vacanze!!

Ufficio stampa Bramante Basket.

 

Passa Fossombrone sul nostro campo nella penultima di campionato

PARTITA:    BRAMANTE –FOSSOMBRONE   73 – 83

Penultima gara di campionato, Pesaro non riesce a spuntarla contro un buon Fossombrone che nonostante l’assenza di Puleo, ha un Perini dominante, nanche a dirlo: giocatore fuori categoria. Inizialmente il ritmo della partita è un po’ blando, ma si vedono buone giocate in attacco. Vanno a segno per i padroni di casa Urbani e il capitano Amici, per il Fosso Perini e Mancinelli. Coach Nicolini dalla panchina chiede ai suoi più pressione delle guardie sui palleggiatori; Pesaro con maggiore aggressività recupera diversi palloni e in attacco e conclude bene in attacco. Ceccolini e Ricci dialogano e si iscrivono a referto il primo con arresto e tiro, il secondo con le triple ignoranti. Nell’altra metà campo Perini è dominante sotto canestro, sguscia sempre agli avversari con virate, usando divinamente il piede perno, un serio problema per la nostra difesa ancora un po’ disattenta nei raddoppi all’interno dell’area difensiva. Nel secondo quarto Mancinelli parte molto forte e ne mette cinque di fila, Bramante passa a zona e Nardini esegue un bel canestro in entrata. Bertoli per il fosso segna da tre punti e gli risponde il pesarese Velispahic, quest’ultimo offre poi a Bongiorno l’assist per due facili. Anche sotto canestro continua comincia un festival di realizzazioni con Oliva e Perini. Fase molto accesa e piacevole del match. Ma sono gli ospiti a condurre sul +5. Ospiti inarrestabili vanno a segno con ben sette giocatori della rosa in questo quarto. Nel Bramante ci pensa Sorcinelli a non spegnere la fiamma segnando due triple di pregevole fattura e un bel canestro da due punti. Il quarto si conclude con una schiacciata del solito Perini che porta i suoi sul +10 . 41 – 51 all’intervallo lungo.

Il terzo quarto si apre con l’ennesima tripla di Ricci, Perini torna a farsi sentire e ne mette 4 di fila. Fossombrone passa a zona e alla prima palla recuperata vola in contropiede con Nobilini col canestro e fallo. Bongiorno prende e spara da tre punti per il meno sei Bramante; ma Donini e Mancinelli, molto preciso dalla luna, portano a nove i punti di vantaggio a fine quarto.Mancano solo dieci minuti e occorre una pronta reazione per riavvicinarci agli ospiti nei primi minuti. Reazione che si manifesta all’istante, con grande orgoglio Di Sciullo segna da tre punendo la loro zona, Ceccolini offre l’assist per Oliva. Il nostro veterano Di Sciullo recupera palla a metà campo e lancia per Bongiorno che realizza indisturbato. Siamo a meno quattro. Perini torna a farsi sentire e ne mette due, ma gli risponde Ceccolini. I liberi di Urbani ci portano sul meno due, l’aggancio è sulla soglia della porta, ma non concretizziamo più in attacco, affrettando le soluzioni. Fossombrone col bonus è precisissimo nei liberi e allunga il punteggio per un  tecnico ai pesaresi dovuto alle proteste per un fallo enorme in attacco del Fossombrone che non è stato sanzionato. Sotto di 10 punti Ricci fa canestro e fallo, ma  gli ospiti conquistano altri liberi coi falli tattici e portano il punteggio finale a 73 – 83.

Il prossimo sabato siamo di scena  a Fermignano per l’ultima di campionato.

BRAMANTE PESARO: Ricci 13, Velispahic 3, Ceccolini 9, Sorcinelli 8, Oliva 9, Urbani 10, Di Sciullo 5, Nardini 2, Amici (Cap) 7, Bongiorno 7.  All. Nicolini – Vice: Ugolini

FOSSOMBRONE : Tadei 11, Mancinelli 16, Battistelli (Cap) 2, Nobilini 4, Donnini 12, Toccaceli, Perini 28, Bartoli 6  Signoracci, Ceppetelli 4. All.Giordani. Vice: Serafini.

Ufficio Stampa  Bramante Basket

 

La spunta la Stamura, andiamo a corto di fiato nell’ultimo periodo

Globo Stamura – Bramante Pesaro 71-62 (12-9, 33-25, 46-48)

Non ci porta bene questa seconda fase, nella terz’ultima gara di campionato usciamo sconfitti dalla Stamura Ancona, squadra che ha disputato un gran campionato soprattutto tra le mura amiche. Gli anconetani lo dimostrano anche questo Sabato anche se nei primi minuti è Pesaro che parte più aggressiva al ferro con Ceccolini, la difesa pesarese si stringe rendendo complicate le giocate di Ancona. Poi un bel canestro in back door di Alessandroni sveglia i suoi che trovano il vantaggio con due triple, una di Novelli e poi Giachi. Bramante che accorcia a meno 3 con un bell’assist di Bongiorno per Oliva. ( 12 – 9). Ancona a inizio secondo quarto allunga il passo con le triple di Guida e Alessandroni, e il divario nel punteggio si fa più lungo, ma non ci sfaldiamo, anzi con Urbani e Di Sciullo e una bellissima esecuzione di Ricci con canestro e fallo arriviamo a meno 8 pt. A bilanciare il punteggio alla fine del quarto ci pensano da una parte strappato dall’altra il capitano pesarese Amici, un giocatore che non molla mai. Punteggio che si fissa su 33 – 25 all’intervallo lungo. Nel terzo quarto il Bramante gioca la miglior pallacanestro della partita. Nonostante qualche disattenzione difensiva come la tripla di Giachi lasciato libero sulla transizione e un bellissimo canestro di Alessandroni da tre punti, suo marchio di fabbrica, i giocatori di coach Nicolini si spaziano benissimo in attacco. Urbani e Ceccolini realizzano canestri preziosi, ma il vero protagonista è il giovane play Matteo Ricci che, non so mai come definirla se “freddezza o scioltezza” sigla triple tagliagambe, l’ultima dopo un time out anconetano. Al termine del quarto siamo in vantaggio di due punti ( 46 – 48). Il quarto quarto comincia con Pesaro a zona e con pazienza ci conquistiamo falli di cui un antisportivo. Ceccolini fa 2/2 dalla lunetta, ma la Stamura non si scompone e aumenta l’intensità difensiva recuperando palloni e trovando poi il vantaggio di 4 pt. Amici e Di Sciullo non ci stanno e pareggiano immediatamente. Siamo sul 55 pari.Ancona mette palla sotto canestro e con rimbalzi strappati e palle sporche concretizzate in falli trova molti punti dalla lunetta. Ci vengono fischiati una miriade di contatti, alcuni giusti altri veramente eccessivi, inoltre la benzina tra le nostre fila sembra quasi finita. L’ultimo a trovare la via del canestro è il nostro Cap. Amici che con una tripla ci avvicina a meno 5, ma la Stamura gestisce bene gli ultimi possessi trovando altri liberi. Finisce 71 – 62 per i padroni di casa. Sabato prossimo siamo di scena a Pesaro, nel nostro campo di casa “Palestra Galileo Galilei” ore 18:00 contro Fossombrone per la penultima di campionato.

Globo Stamura: Strappato 2, Bini 1, Bellesi 5, Battagli 4, Curzi 7, Giachi 16, Novelli 3, Mosca 10, Guida 7, Canali, Alessandroni 14, Badaloni. All.Marsigliani, ass.Del Pesce

Bramante: Nardini 2, Ricci 18, Velispahic n.e., Ceccolini 13, Bongiorni 1, Sorcinelli, Oliva 2, Urbani 2, Di Sciullo 7, Amici 15. All. Nicolini

Arbitri: Buresta e Marinelli

Ufficio stampa Bramante Basket

 

Sconfitta di misura nel derby contro Urbania

PARTITA:    BRAMANTE – URBANIA   59 – 61

Partita giocata in sostanziale equilibrio nel punteggio, ma la spunta Urbania. L’ultima partita della stagione regolare finì 81 – 80 per Pesaro e fu una vera e propria battaglia dal punto di vista del gioco e dell’agonismo, che ora si è andato un po’ scemando in questa seconda fase del campionato. Chiaramente nessuno ci sta a perdere e il punteggio che si alternava, soprattutto nelle fasi finali, dal meno uno al più uno e viceversa, ne è l’esempio. Nel primo quarto Urbania conquista punti dentro l’area soprattutto con Giommi; Pesaro alterna buone giocate ad azioni un po’ affrettate. Disciullo segna sia da tre che da due punti, mentre Nardini ha subito un ottimo impatto subentrando dalla panchina ,propiziando un bell’assist per Oliva e un lancio tutto campo stile Super Bowl, raccolto da Sorcinelli che sigla il canestro del +1 sulla sirena (15 – 14). Nella seconda frazione gli ospiti cominciano forte sospinti da Facenda, che fin da subito detta i ritmi ai sui compagni in attacco e si conferma pericolosissimo nelle letture del gioco. Il Bramante reagisce con una bella entrata di Ricci e Nardini che offre l’assist per il capitano Amici realizzando poi  il canestro del momentaneo pareggio;  Facenda trova una tripla delle sue e manda Urbania sul +3 (27 – 30) a metà gara.Come già accennato prima, il punteggio comincia ad alternarsi, probabilmente è il nostro quarto migliore in cui da un’attenta difesa a zona prendiamo fiducia anche nella metà campo offensiva, mantenendo ottime spaziature e trovando la via del canestro con Urbani ben imbeccato da Ceccolini (altra buonissima prova la sua), Di Sciullo, Olive e Velispahic. Gli ospiti sono sempre li e per chiudere in vantaggio di un punto, i ragazzi di Nicolini eseguono straordinariamente per due azioni la difesa a tutto campo che ci consente di recuperare due palloni preziosi trasformati poi in canestri. (42 – 41).Nell’ultimo periodo il Bramante continua con la zona, si sussegue il walzer di canestri da una parte e dall’altra, Urbania mostra tutta la partita freddezza dalla linea del tiro libero. A 2,50” dal termine Nardini si conquista il canestro e fallo del meno uno. Mentalmente potrebbe essere la svolta, ma per una disattenzione Matteucci in entrata rimanda i suoi sul + 3. Da li in poi: Amici segna il meno uno, risponde Facenda per il nuovo +3 ospite. Di Sciullo riporta il Bramante nuovamente a meno uno, ma è nuovamente Bicio Facenda per il +3. Al termine di questa carambola di azioni il Bramante è a meno tre a 11” sec dal termine. Time out immediato di Nicolini per avere la rimessa nella metà campo offensiva. Purtroppo il tiro, comunque ben costruito di Di Sciullo, va sul ferro e sancisce la vittoria ospite.

Prossima gara a Ancona Sabato 09/05/2015 ore 21:00.

BRAMANTE PESARO: Ricci 2, Velispahic 4, Ceccolini 4, Sorcinelli 4, Oliva 4, Urbani 8, Di Sciullo 13, Nardini 12, Amici (Cap) 8. All. Nicolini – Vice: Ugolini

URBANIA: Baldassarri 2, Spagna 6, Biagetti (Cap) 6, Marini 2,Galeotti, Tancini 3, Matteucci 11, Carciani, Diana 4, Giommi 8, Facenda 19. All. D’Amato.

Ufficio Stampa  Bramante Basket

Sconfitta fuori casa per merito del Fabriano

Janus basket Fabriano – A.D.S. Bramante basket Pesaro: 65 – 45.

Non riusciamo a replicare la buona vittoria casalinga ottenuta la scorsa settimana contro il Fermignano. Fabriano si dimostra ancora una volta un avversario molto ostico, non a caso ha sempre oscillato tra le prime due posizioni della classifica, tutt’oggi seconda alla pari con la Stamura Ancona. Tuttavia il primo quarto si gioca in sostanziale equilibrio, la palla sbatte ripetutamente su i ferri da entrambe le metà campo, Amici, Urbani e Ceccolini (buona prova di maturità la sua) rispondono ai canestri di Calandrillo e Carnevali. Anche i giocatori che subentrano dalla panchina hanno voglia di essere protagonisti sia in difesa che in attacco, ne è un esempio la bella tripla di carattere di Sorcinelli del meno tre. Peccato che per un’ingenuità facciamo fallo sul tiro da tre di Toppi allo scadere del quarto, che realizza tutti i liberi. (17 – 11). Il secondo quarto si apre con un gran canestro di Bongiorno a cui risponde Silvi. Fabriano prende il via, mostrando tutta la sua fisicità in difesa rendendoci vita difficile in attacco. Ceccolini a seguito di ottime iniziative fa canestro e fallo, ma è solo un piccolo lampo nel finale di quarto che termina col più diciassette per i padroni di casa. (37 – 20). L’inizio del terzo quarto non è esaltante per il pubblico, pochi canestri per le due squadre, azioni poco fluide eccetto qualche buona giocata come l’entrata di Bongiorno che piazza un bell’assist a Oliva. Fabriano, pur a ritmo più basso rispetto il primo tempo ,incrementa il vantaggio col canestro di Silvi che vale il più ventidue. L’approccio del Bramante nel quarto quarto è ottimo.Con un perfetto meccanismo nella difesa a zona, rendiamo le cose complicate al Fabriano che sparacchia da tre punti, mentre nella metà campo d’attacco rosicchiamo pian piano punti preziosi con Oliva, Urbani, Ceccolini e Di Sciullo. A tre poco più di tre minuti dl termine siamo a meno tredici. Fabriano non ci sta e cambia marcia: il canestro e fallo di Calandrillo e la tripla di Paoletti riportano il punteggio in sicurezza per i padroni di casa. Finisce 65 a 45.

Fabriano si dimostra ancora una volta una squadra molto solida, non solo dal punto di vista fisico; Pesaro nonostante abbia sbattuto più di una volta contro i muscoli dell’avversario e pur avendo percentuali al tiro, quest’oggi scarse ,ha mostrato che quando gioca con la testa, tenendo il ritmo alto di gioco non è seconda a nessuno.

Giovedì 7 maggio saremo di scena in casa contro Urbania al Pala Galilei ore 21:00. Vi aspettiamo!!

Ufficio stampa Bramante Basket

 

Torniamo alla vittoria con una grande prestazione contro il Fermignano

Imperativo: “Vincere” imporre il ritmo di gioco, metterci la massima intensità, divertendoci nel contesto e nell’ esprimere la nostra energia e grande voglia di riscatto. Sono queste le parole di coach Nicolini per caricare i suoi giovani prima della partita contro Fermignano, squadra che ci ha battuto sia all’andata che al ritorno della stagione regolare. Questa partita casalinga è un’occasione per dimostrare che il Bramante non si è spento nonostante le ultime sconfitte; i ragazzi non ci stanno di sicuro e già lo avevano ben dimostrato nel 4° quarto contro Fossombrone quando si sono coesi in difesa andando poi all’ overtime. L’intensità è subito quella giusta, sono i canestri che scarseggiano inizialmente in ambo le metà campo. I punti nel primo quarto arrivano da Ceccolini e da Ricci ben ispirato dall’arco. Il nostro giovane  play sigla  una tripla micidiale allo scadere portandoci sul più due (13 – 11). Bongiorno, appena entrato realizza con  una bella penetrazione; stiamo giocando la nostra pallacanestro ma Fermignano è sempre lì a poche lunghezze e Tagnani M. realizza il canestro del meno 2 ospite.( 22 – 20). Non ci scomponiamo, anzi facendo leva sulla nostra lucidità mentale nella metà campo difensiva recuperiamo palloni preziosi che si trasformano in contropiedi micidiali e con un parziale di 8- 0 chiudiamo sull’intervallo lungo col + 8 (28 – 20).

Nel terzo quarto cominciamo un po’ disattenti, ma è solo un’illusione per gli avversari, Ceccolini e Bongiorno ben ispirati realizzano su assist dei compagni. Vichi ci da qualche problema col suo peso specifico a rimbalzo e anche Roberti prende buonissime iniziative. Il Bramante è comunque mentalmente in partita e le triple del capitano Amici e di Velispahic ci mandano sul più 10 (44 – 34). Continua il buon momento anche all’inizio del 4° quarto quando allunghiamo nel punteggio complice anche un loro fallo antisportivo, Urbani e Velispahic segnano per il 51 – 39, mentre Amici è spesso presente a rimbalzo offensivo e recupera i palloni sporchi lottando da vero capitano. Allunghiamo ancora con un bel canestro in contropiede di Nardini, + 17 per noi. Nel finale Fermignano rosicchia qualche punto, ma la partita era già conclusa. Torniamo alla vittoria..grandi ragazzi!!

La società e gli allenatori si complimentano coi giocatori ci/vi auguriamo che questo entusiasmo e questa pallacanestro si manifestino anche nella prossima partita a Fabriano Domenica 3 Maggio.

BRAMANTE PESARO –  PALL. FERMIGNANO 59 – 44

BRAMANTE PESARO: Ricci 12, Longoni 5, Ceccolini 10, Sorcinelli, Oliva 4, Bongiorno 10, Urbani 4, Nardini 3, Amici 3 (Cap) Velispahic 8. All. Nicolini – Vice: Ugolini

FERMIGNANO: Cassese 9, Spadoni J. 2,Tagnani M 2 (Cap), Vichi 8, Santi, Roberti 11, Tagnani D.5  Fontanella, Alleruzzo 5, Spadoni F 2. All. Paolucci

PARZIALI: 13 -11, 15-9, 16-14, 15-10.

Sconfitti in casa da un’ostica Stamura Ancona

Sapevamo che non era un match semplice nonostante avessimo disputato una delle nostre migliori partite nel girone di ritorno battendo la Stamura, squadra con ottime individualità e piazzatasi al quarto posto al termine del girone. Tra le nostre fila assenti il capitano Amici, comunque a referto per sostenere i suoi dalla panchina, e i giovanissimi play Ricci e la guardia Velispahic. Nel primo quarto, dopo un inizio in cui le squadre forzano le conclusioni è la Stamura e sbloccarsi per prima trovando canestri dalla distanza con lo specialista Alessandroni. Pesaro reagisce con i canestri di Di Sciullo, Ceccolini, e le triple di Longoni e Bongiorno. Un bel canestro in tap-in di Nicolini ci manda a meno tre lunghezze (16 – 19). La partita in questo frangente si gioca in sostanziale parità, la nostra pecca è quella di non concretizzare quando raccolto in difesa con le numerose palle recuperate; nell’altra metà campo gli anconetani si ritagliano un vantaggio di sette lunghezze. Pesaro trova la forza di reagire, recupera punti nel suo momento migliore del match e Urbani sigla il canestro del più due a metà gara (36 – 34). Nel terzo quarto le due squadre continuano a giocare a ritmo alto, belle esecuzioni da parte di  Bongiorno, Longoni e Ceccolini. a cui rispondono Bini, Strappato e Alessandroni. Come è successo con Fabriano veniamo penalizzati dai falli, alcune chiamate troppo generose (mai andati al bonus!!) e, mancandoci delle rotazioni passiamo alla difesa a zona. Ancona comunque ben posiziona in capo allunga il passo, facendosi sentire a rimbalzo e nella fase difensiva eseguendo ottimi “aiuto e recupero” sui blocchi.Nel quarto quarto ci manca un pò di lucidità, la Stamura allunga il passo e nonostante tutti i ragazzi del Bramante ci abbiamo provato non riusciamo a pareggiare. Il finale sorride agli ospiti  66 – 73.

La prossima partita ci vedrà impegnati in trasferta contro Fossombrone Domenica 19 Aprile, mancano altre 7 partite e possiamo rifarci, forza ragazzi!!!

BRAMANTE PESARO: Nicolini, Longoni 22, Ceccolini 11, Sorcinelli, Oliva, Bongiorno 15, Urbani 6, Di Sciullo 6, Nardini 6, Amici (Cap). All. Nicolini – Vice: Ugolini

STAMURA: Strappato 10, Bini 8, Bellesi 4, Battagli,1 Curzi 11, Novelli 3, Pajola, Mosca 5, Canali 2, Alessandroni 17, Giachi 12, Luini. All.Marsigliani, Vice: Del Pesce. 

PARZIALI: 16 – 13, 20 – 15, 19 – 25, 11 – 14.

ARBITRI: Marinelli Forconi

Ufficio Stampa  Bramante BK Pesaro

Un super Bramante vince contro Urbania all’ultimo secondo

Partita: Bramante vs Urbania  81 – 80                                                                Pesaro, 14/03/2015.

 

Commento: Non è stato di certo un pomeriggio in cui ci si è annoiati al Pala Galileo Galilei per la partita molto sentita tra Bramante e Urbania. Sebbene le squadre si sono già qualificate per le prime sei posizioni, hanno dato luogo ad un match incandescente risoltosi all’ultimo respiro con un grande canestro in sottomano, stile Stephen Curry, di Nardini.

Partita intensa dall’inizio, in cui Urbania fa sentire i muscoli sotto canestro e guadagna il bonus dopo tre minuti. Ricci da tre e un bel canestro di Longoni ci portano in vantaggio a metà quarto. Time out Urbania. All’uscita dal time out Pesaro continua a macinare gioco, chiudendo il quarto sul più tre. (17 – 14). L’intervallo breve non scompone il buon momento per il Bramante, anzi i ragazzi di coach Nicolini stringono in difesa; l’aggressività sulle palle cosiddette “sporche” e la giusta tempistica nelle rotazioni difensive portano a contropiedi primari o ad ottimi attacchi in transizione. Urbania, favorita da un eccessivo numero di falli resta in partita con ottime percentuali dalla lunetta. Sorcinelli, nel finale di quarto sigla la tripla del più dieci Bramante (40 – 30). La partita finora è stata condotta da Pesaro, ma è ancora molto lunga e Urbania, dotata di un forte agonismo oltre che di giocatori validissimi non mollerà di certo.

Ospiti che come previsto partono forte, portandosi sul meno quattro, ma Urbani dalla media segna un canestro  importantissimo che ci da respiro ed entusiasmo. Nell’azione seguente Ricci serve  un assist no-look a Longoni per il canestro e fallo. La partita è sempre  più avvincente. Le due squadre mostrano le loro migliori qualità offensive, sugli scudi per il Bramante il giovanissimo Matteo Ricci (29 pt) e per Urbania il veterano Bicio Facenda (30 pt) sempre una spina nel fianco per gli avversari durante le fasi calde del match. Da lui arrivano la tripla del meno 2 e il canestro del pareggio. Pesaro sta cedendo? Assolutamente no!! Con i canestri di Di Sciullo, del capitano Amici e l’ennesima tripla di Ricci( sei per lui) torniamo prontamente in vantaggio (59 – 53).

Il quarto quarto è tutto da gustare, bellissimo derby. Pesaro conduce ancora la partita, attacca con pazienza cercando, attraverso i numerosi ribaltamenti del lato, di trovare la soluzione migliore. Gli ospiti sono comunque sempre pronti a rispondere e si riavvicinano facendosi sentire sotto canestro guadagnando falli a ripetizione. Facenda con una tripla e Diana dopo un rimbalzo offensivo portano Urbania sul più uno a “14 dal termine. (77 – 78) Il finale non è per i deboli di cuore: Ricci realizza in entrata a “8 (79 – 78). Time out ospite. Dalla rimessa palla a Facenda che subisce fallo e realizza entrambi i liberi del più uno. (79 – 80). Mancano pochissimi secondi e Nardini si prende la responsabilità dell’ultimo tiro…responsabilità premiata da un gran canestro in entrata!!! E’ finale 81 – 80.

Per chi non ha potuto assistere la gara si è perso veramente qualcosa, ripeto: partita bellissima perché l’agonismo delle due squadre non ha per nulla messo in secondo piano le qualità tecniche dei giocatori. Pesaro ha condotto gran  parte della partita giocando  molto bene di squadra, Urbania ha fatto valere più la sua fisicità.

La società è molto soddisfatta del risultato e dell’atteggiamento dei nostri ragazzi. Ricordiamo che la prima partita di campionato la perdemmo all’ultimo secondo, mentre oggi, nell’ultima del ritorno, è successo l’inverso, segnale che la squadra ha fatto tanti progressi non solo sul piano del gioco, ma anche dal punto di vista caratteriale mostrando freddezza e lucidità nei momenti che contano. Forza Bramante, Vincere… insieme!!!

Ufficio stampa Bramante BK Pesaro

 

Sconfitta in casa contro Recanati, ma non ci abbattiamo. Sabato arriva “La Sfida” VS Urbania!!

BRAMANTE PESARO – PALL. RECANATI 76 – 88

 Commento: Battuta d’arresto casalinga per il Bramante Pesaro contro un avversario mai domo. La pallacanestro Recanati ha mostrato la giusta determinazione per prendersi i 2 punti sul campo pesarese. Determinazione che si manifesta nei primi minuti, in cui coach Nicolini chiama time out immediato dopo i primi canestri subiti per errori  dovuti ad errate rotazioni difensive e scarsa concentrazione. A metà del primo quarto i pesaresi trovano la via del canestro, mettendo il piede sull’accelleratore, ma un’improvviso parziale di 7-0 da parte degli ospiti ci allontana ancora benchè Nardini (quest’ oggi Capitano per l’assenza precauzionale di Amici) segni allo scadere il canestro del meno 7. (15 – 22). Il secondo quarto si apre con una gran tripla di Bongiorno e un canestro di Nardini, buona partenza che pultroppo ci regala un sorriso di breve durata poiché Recanati non demorde, anzi aumenta l’intensità difensiva e in attacco la palla circola velocemente trovando tiri puliti dall’arco e dalla media. Ospiti avvantaggiati dal bonus dal 3° minuto. Il Bramante non ci sta, Oliva dopo una gran stoppata recupera e passa al play Longoni che lancia Urbani in contropiede. I padroni di casa sembrano aver recuperato la giusta tempra agonistica trascinati da Longoni che recupera 2 palloni preziosi, sforna assist siglando poi la tripla del meno 7. (38 – 44). Nella seconda metà di gara il Bramante, galvanizzato dalla fine del secondo quarto e chiaritosi le idee nello spogliatoio continua a macinare bel gioco, aumentando la pressione difensiva che aveva mostrato in pochi tratti nel primo tempo. I risultati non tardano ad arrivare trovando, sul finire del quarto il vantaggio con la tripla di Ricci e un canestro di Nardini da due. (63 – 59). L’inerzia del confronto è dalla parte di Pesaro, la squadra lo sente e lo sente il pubblico, ma il quarto quarto è ancora tutto da giocare. Pesaro non ha più lo spirito del terzo quarto, è quasi sempre ad un passo indietro rispetto gli avversari; Recanati ne approfitta, azione su azione prendono il largo con il trio Larriza (32pt) Clementoni e Raponi. Ogni volta che Il Bramante riprova a riavvicinarsi gli ospiti siglano canestri taglia-gambe. Il finale è del Recanati 76 – 88. Complimenti agli ospiti che, ad eccezione del terzo quarto hanno giocato una grande partita con medie altissime nel tiro da tre e dalla lunetta; Il Bramante, come in gran parte della stagione, ha mostrato grandi qualità nei momenti in cui riesce a unire lucidità mentale e gambe, peccato non essere stati costanti nell’ intera gara.

Gli errori e le sconfitte aiutano a crescere e la prossima partita sarà un bel banco di prova, il derby Bramante Urbania è molto sentito e invitiamo tutti i tifosi a sostenerci per l’ultima partita del ritorno. Forza Bramante!!

PESARO: Nicolini, Ricci 6, Longoni 15, Velispahic 3, Ceccolini, Bongiorno 11, Sorcinelli, Oliva 18, Urbani 8, Di Sciullo 5, Nardini 10. All. Nicolini – Vice: Ugolini

RECANATI: Monteriù 6, Malizia, Selicato 1, Ottaviani (Cap) 4, Larizza 32, Raponi 17, Pezzotti 9, Clementoni 19, Cingolani, Castagnari, Mordini. All. Pesaresi – Vice: Sargentoni

PARZIALI:  15-22, 23-22, 25-15, 13-29.

ARBITRI: Antimiani e Vesconi.

Ufficio stampa Bramante Basket Pesaro

 

Conquistiamo un posto in DNC!!

Cestistica Ascoli – Bramante Pesaro 77 – 80

Ascoli: Di Silvestro E, Burini 28, Ciccorelli 19, Bruni 2, Di Silvestro F(Cap.). 4, Layne 2, Addazi 7, Addimando,  Belardinelli, Nanni 15, Seaman ne. All. Ripa.

Bramante:Nicolini, Ricci 6, Longoni 13, Ceccolini 4, Bongiorno 6, Sorcinelli 5, Oliva 9, Urbani 2,Di Sciullo 15, Amici(Cap) 13. All. Nicolini – Vice: Ugolini

Parziali:17-19, 20-18, 19-18, 21-25.
Arbitri: Marinelli Sperandini
Commento in sintesi: Siamo soddisfatti, il primo obiettivo della stagione è stato raggiunto “Entrare tra le prime sei classificate”. Come ogni squadra che ambisce lo consideriamosulla carta un bel punto di arrivo, ma mentalmente anche un punto di partenza che dovrà darci carica ed entusiasmo per affrontare le ultime due partite del girone e tutta la seconda fase.Poco prima del riscaldamento giunge la lietissima notizia: La Consultinvest Pesaro espugna il campo dell’Acea Roma 76 – 80, che sia di buon auspicio anche per noi??Sicuramente non vogliamo essere da meno contro Ascoli. I padroni di casa contano tra le proprie fila ottimi giocatori che puniscono al tiro ad ogni disattenzione difensiva e sono molto attivi a rimbalzo mostrando senza tanta timidezza i proprio muscoli.Partita viva e tonica fin dai primi minuti, Ascoli si piazza subito a zona. La circolazione di palla delBramante è rapida e punisce sia col tiro da fuori ( Di Sciullo) sia quando viene servito il pallone ai lunghi. Ascoli non è sicuramente la squadra che si rassegna, anzi risponde  con canestri dall’arcoe quando si avvicina sotto canestro con penetrazioni o scarichi guadagna diversi falli per andare in lunetta. Il primo tempo si chiude in parità (37 – 37) con un canestro dell’ascolano Burini allo scadere.All’inizio del terzo quarto entriamo un pò meno lucidi e, nonostante qualche bella iniziativa personale Ascoli ne approfitta portandosi in vantaggio per la prima volta. Il numero 12 Addazi non sbaglia mai ben coadiuvato da Burini e Ciccorelli, ma Longoni risponde: tripla del meno 1 a cavallo di due canestri molto importanti del nostro cap. Amici. Il quarto si chiude col Bramante a più uno. (55 – 56). Nell’ultimo periodo l’intensità della partita non cala affatto, l’equilibrio regna sovrano. Ma come prima accennato non è un equilibrio passivo, infatti ogni giocatore in campo del Bramante da un notevole contributo sia mentale che fisico portandoci sul +9. Ascoli, come ha mostrato tutta la gara risponde coi singoli e trova il pareggio a meno di un minuto dal termine. Occorre una gran giocata individuale da parte del nostro play Longoni a riportare il punteggio a nostro favore, penetrazione centrale con canestro e fallo. Col libero aggiuntivo realizzato portiamoa casa il risultato sul 80 a 77. Partita molto piacevole in cui il Bramante ha espresso un’efficace gioco di squadra che ha portato molteplici soluzioni in attacco; onore gli ascolani che non hanno mai mollato e regalato poco o nulla a Pesaro.

La prossima settimana siamo impegnati tra le mura di casa contro il Recanati, Sabato 07/02/2015 ore 18:00 palas Galileo Galilei. Vi aspettiamo numerosi !!!

Ufficio Stampa Bramante Basket